Vai a sottomenu e altri contenuti

Informativa I.M.U. 2022

Si avvisano i Sigg. contribuenti che la legge di bilancio 2020 ha abolito dal corrente anno la TASI e l’IMU della IUC, prevedendo l’accorpamento in un unico tributo. L’imposta, chiamata “ nuova IMU”, in vigore dal 2020, mantiene, in linea generale, gli stessi presupposti soggettivi ed oggettivi disciplinati dalla normativa vigente nel 2019.

Aliquote in vigore per l’anno 2022 approvate con deliberazione C.C. n.62 del 29/12/2021:

  • 4 PER MILLE - Aliquota ridotta per abitazione principale di Cat. A/1 – A/8 – A/9 e relative pertinenze, così come definite dall’art.13, comma 2 D.L.201/2011, convertito inL.217/2011;
  • 4 PER MILLE - Abitazione di Cat. A concessa in comodato d’uso ai parenti in linea retta entro il primo grado;
  • 9 PER MILLE - Aliquota per tutti gli altri fabbricati ed aree edificabili;
  • 9 PER MILLE - di cui 7,6 riservato esclusivamente allo Stato - Aliquota per i fabbricati produttivi di Cat.D
  • Aliquota TASI pari allo ZERO PER MILLE.

Il pagamento dell’imposta avviene in due rate:

16 giugno acconto IMU
16 dicembre saldo IMU

Novità IMU 2022
Riduzione IMU per i pensionati residenti all’estero (art. 1, comma 743, della Legge 234/2021- Legge di Bilancio 2022). Limitatamente all'anno 2022 è ridotta al 37,5% l'IMU relativa ad una sola unità immobiliare ad uso abitativo, non locata o non data in comodato d'uso, posseduta in Italia a titolo di proprietà o usufrutto da soggetti non residenti nel territorio dello Stato che siano titolari di pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l'Italia, residenti in uno Stato di assicurazione diverso dall'Italia.

Esenzione IMU 'Beni merce” (art. 1, comma 751, della L. 160/20219 - Legge di Bilancio 2020) . A decorrere dal 1° Gennaio 2022 sono esenti dall’IMU i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, finché permanga tale destinazione e non siano locati. Resta obbligatoria la presentazione della dichiarazione IMU a pena di decadenza.

Abitazione principale (art. 5-decies del DL. 146/2021, conv. nella L. 215/2021). La norma dispone che nel caso in cui i membri del nucleo familiare abbiano stabilito la residenza in immobili diversi - siti nello stesso comune oppure in comuni diversi - l’agevolazione prevista per l’abitazione principale spetti per un solo immobile, scelto dai componenti del nucleo familiare. La scelta dovrà essere comunicata per mezzo della presentazione della Dichiarazione IMU al Comune di ubicazione dell’immobile da considerare abitazione principale. La dichiarazione per l’anno fiscale 2022 dovrà essere presentata entro il 30/06/2023.

Esenzione immobili Cat. D3 (art. 78, comma 1, lett. d), e comma 3 del D.L. 104/2020). Per il 2022, così come per il Saldo 2020 e per l’anno 2021, resta confermata l’esenzione dal versamento IMU per gli immobili destinati a spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti e spettacoli (ossia gli immobili rientranti nella categoria catastale D/3), a condizione che i relativi proprietari siano anche i gestori delle attività ivi esercitate.

Riduzioni La base imponibile è ridotta del 50% per le unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale, a condizione che il contratto sia registrato e che il comodante possieda una sola abitazione in Italia e risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato. Pertanto rimangono invariate la riduzione del 50% per i comodati gratuiti a famigliari (Legge di Bilancio 2019, all’articolo1 del comma 1092 ) e la riduzione del 25% per gli immobili locati a canone concordato a patto che il contratto preveda l’obbligo di registrazione per poter ottenere lo sgravio fiscale.

Sono esenti:

  • Le abitazioni principali classificate nelle categorie catastale A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7 e A/11 e relative pertinenze (nella misura massima di un’unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali C/2, C/6 e C/7), ad esclusione degli immobili di categoria A/1, A/8 e A/9 (edifici di pregio, ville, castelli);
  • Fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali (come definiti dal decreto del Ministero delle Infrastrutture del 22 aprile 2008, pubblicato nella G.U. n. 146 del 24 giugno 2008);
  • I terreni agricoli posseduti da coltivatori diretti o da imprenditori agricoli professionali di cui all’art. 1 del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 99, e successive modificazioni, iscritti nella previdenza agricola, purché dai medesimi condotti;
  • I fabbricati rurali strumentali categoria catastale D/10;

 
Modalità di pagamento IMU: modello F24

I contribuenti soggetti passivi residenti all’estero, impossibilitati all’utilizzo del modello di pagamento F24, devono effettuare il versamento mediante bonifico bancario sul conto corrente bancario del Comune di Muravera:

IBANIT 94 V 01015 43920 000000013361
Codice BIC: BPMOIT22 XXX
Il codice catastale del Comune di Muravera è F808
Si precisa che le commissioni bancarie sono a carico del contribuente e non possono gravare sull’Ente.


Per informazioni: telefono: 07099000315 - 3939080751 (martedì-giovedì ore 9-11; mercoledì ore 15-17)

e-mail: tributi@comune.muravera.ca.it
per presentazione istanze: PEC: protocollocomunemuravera@legalmail.it

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Informativa IMU 2021 Formato pdf 112 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto